Malattie reumatiche nei bambini

A volte i valori degli esami del sangue nei bambini piccoli possono presentare dei valori alti , addirittura il doppio rispetto ai valori standard indicati. E’ il caso ad esempio del TAS (Titolo Anti Streptolisinico). In genere, il valore di questo esame si presenta alto, ma tuttavia, secondo gli esperti, non c’è motivo di allarmarsi e pensare immediatamente ad una malattia del sangue.

Il valore del TAS sopra la media potrebbe significare l’indice di una pregressa infezione di streptococco beta emotilico. Se il bambino ha avuto una tonsillite o una faringite, il valore del TAS rimane alterato per alcune settimane, anche dopo la convalescenza del piccolo.

Tuttavia, molti pensano subito che si tratti di una malattia reumatica, ma oggi sono casi davvero rari ( un tempo invece erano più diffusi) che colpiscono bambini dai 5 ai 14 anni.

Il reumatismo articolare acuto può interessare diversi organi e apparati, come il cuore, le articolazioni e l’encefalo. Si presenta a distanza di 2 o 4 settimane dal momento in cui è avvenuta l’infenzione causata dallo streptococco. I primi segnali della malattia reumatica sono sicuramente un malessere generale accompagnato da febbre, stanchezza e perdita di appetito, ma a seconda dell’organo colpito   si possono manifestare altri sintomi.

Se per esempio il problema riguarda le articolazioni, il bambino soffrirà di artrite migrante, ovvero si sposterà velocemente da un ‘articolazione all’altra interessando le ginocchia, le caviglie, le spalle e perfino i gomiti), causando un forte dolore, con rossore e gonfiore.

Come dicevamo, un altro organo che può essere colpito è il cuore, ma sono casi davvero rari. In questo caso si parla di cardite; si tratta di un’infiammazione che non può provocare sintomi evidenti, ma che è segnalata con un soffio al cuore.

Casi ancora più rari, colpiscono la zona del cervello. In questo caso, il bambino compie movimenti che non è in grado di controllare con la testa , gli arti inferiori e superiori e la lingua. In questo caso,  il bambino incontrerà difficoltà a mangiare, a vestirsi, a scrivere.

Se il bambino fosse affetto da un reumatismo articolare acuto, le analisi del sangue evidenzierebbero l’aumento di determinati indici infiammatori quali il VES, la leucocitosi e la proteina , mentre il valore del TAS dimostrerebbe che in precedenza il bambino ha contratto un’infezione.

Se la diagnosi da parte del pediatra è quella di una malattia reumatica, è previsto il ricovero ospedaliero, dove il piccolo verrà sottoposto a terapia antibiotica e trattamenti specifici a seconda dell’organo colpito.

In seguito, verrà effettuata per circa 3 settimana una profilassi tramite un’iniezione di penicillina ogni tre settimane e fino a quando non si raggiungeranno i 18 – 20 anni.



Potreste trovare interessanti anche questi articoli:

  • Purtroppo non ci sono articoli correlati




Lascia un Commento

You must be logged in to post a comment.